Streaming e TV

DAZN condizioni e metodo per ottenere un rimborso in caso di disservizi

Sul sito della piattaforma streaming DAZN, è presente il regolamento per richiedere rimborsi in caso di disservizi.

Per ricevere il rimborso, l’utente dovrà inoltrare la propria richiesta entro 7 giorni dalla messa a disposizione da parte di DAZN dei dati di playback relativi all’evento interessato ai sensi della delibera 17/22/CONS AGCOM; la delibera regolamenta le condizioni di cessazione del servizio, in caso di problemi legati alla qualità della trasmissione dei contenuti di DAZN.

La richiesta deve essere inviata dal titolare dell’abbonamento DAZN, tramite il medesimo indirizzo email utilizzato in fase di sottoscrizione all’abbonamento, che costituisce il log in dell’account, all’indirizzo email richiestarimborsodazn@dazn.com o tramite l’invio di una pec a rimborsidazn@legalmail.it.

La richiesta di rimborso deve essere costituita dal modulo (ecco il link diretto), compilato in ogni sua voce e sottoscritto, e da uno screenshot o una fotografia in formato PNG o JPEG dei dati riportati dallo speedtest Misurainternet, con un’indicazione chiara dell’ora e della data in cui il test è stato eseguito, in modo da verificare la correlazione diretta con l’evento per il quale è stata trasmessa la richiesta di rimborso.

Le immagini dovranno essere perfettamente leggibili, e complete di tutti i dati necessari al rilevamento del disservizio, l’utente dovrà specificare la tipologia di dispositivo utilizzato, e provare che esso figuri tra i device registrati per l’utilizzo dei servizi di DAZN.

Sarà ritenuto valido soltanto lo screenshot (o la fotografia), dei dati presenti sul dispositivo utilizzato per lo streaming dell’evento indicato nel modulo, qualsiasi altra prova fotografica diversa da quelle indicate sopra non sarà ritenuta valida da DAZN per la richiesta di rimborso.

Sul suo sito, DAZN riporta un elenco di condizioni esemplificative, ma non esaustive, delle principali condizioni di irricevibilità delle richieste di rimborso: non verranno prese in considerazione richieste inviate a indirizzi email diversi da quelli indicati sopra, o richieste inviate tramite posta ordinaria o altri mezzi diversi dall’email.

Non verranno considerate richieste provenienti da un indirizzo email differente da quello utilizzato in fase di registrazione al servizio e richieste prive del modulo o contenenti un modulo parzialmente compilato.

Inoltre non verranno considerate richieste veicolate da forme differenti dal modulo o versioni del modulo o allegati in formati differenti da quelli indicati dal regolamento.

Le richieste sprovviste degli allegati o con gli stessi poco leggibili, non saranno ritenute valide, in particolare sono necessari: gli screenshot della cronologia dei pagamenti, reperibile nella sezione “il mio account” sul sito di DAZN, le evidenze fotografiche in formato JPEG o PNG del malfunzionamento sulla base della tabella riportata nel modulo.

E ancora, lo snapshot della velocità della connessione internet registrata da Misurainternet durante la visione dell’evento, screenshot del dispositivo utilizzato durante il malfunzionamento del servizio, e le prove che il device in questione sia tra quelli riportati nella sezione “il mio account” sul sito di DAZN.

Infine, non saranno garantite condizioni di indennizzo in contrapposizione con quanto previsto dalla delibera 17/22/CONS.

A cura di Giuliano Cordovana

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

1 commento

  1. Ancora con la PEC Legamail errata con dominio .com anche nel modulo, non basta al punto A nella sezione modalità di rimborso? Incorreggibili asini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Adv
Back to top button