Streaming

Sky: le dichiarazioni dell’AD Maximo Ibarra sui diritti tv relativi alla Serie A

Maximo Ibarra, AD di Sky, si è espresso in merito alla decisione della Lega Serie A di concedere a DAZN i diritti tv di tutte le partite del campionato italiano di calcio maschile per le prossime 3 stagioni (2021/2024) e di rifiutare, successivamente, l’offerta di Sky relativa ai 3 match di Serie A trasmessi in co-esclusiva.

In un’intervista presente nel quotidiano cartaceo “La Repubblica” di ieri, 31 marzo 2021, l’AD di Sky, in merito all’offerta da 750 milioni di euro rifiutata dalla Lega Serie A, ha dichiarato che tale somma verrà utilizzata per l’acquisto di altri diritti (non solo in ambito sportivo), per la produzione di nuovi contenuti (anche grazie a Sky Studios e ai quattro nuovi canali di entertainment) e per incrementare la piattaforma Sky Q (proprio ieri è stato annunciato l’accordo con Disney+ anche in Italia).

Ibarra, comunque, pur restando in attesa dell’apertura da parte della Lega Serie A di una nuova asta sulle 3 partite settimanali di Serie A in co-esclusiva (pacchetto 2), ha definito Sky aperta alla possibilità di acquistare i contenuti sportivi di DAZN, ricordando l’attuale partnership con la piattaforma streaming, oltre alla presenza di NOW su Timvision (piattaforma streaming di Tim, partner di DAZN).

Per conoscere le anteprime, le novità e gli approfondimenti sulla telefonia, è possibile unirsi al canale Telegram di TelefoniaTech per rimanere sempre aggiornati.

Sky

Se l’accordo tra Dazn e Tim, invece, avesse l’intento di escludere la possibilità che la Serie A possa essere trasmessa su tutti i device e su tutte le piattaforme, Maximo Ibarra non esclude l’ipotesi di fare ricorso anche all’Antitrust, sottolineando il fatto che Sky non ha mai impedito a nessuno (Tim compresa) di avere i contenuti della Serie A sulla propria piattaforma.

L’AD di Sky, inoltre, definendo “prive di fondamento” le voci che lo vedrebbero in uscita dall’azienda, non ha voluto commentare, invece, il possibile ridimensionamento dei dipendenti, in quanto è previsto un primo incontro con i sindacati il prossimo 9 aprile 2021.

Nel caso in cui Sky non riuscisse ad ottenere alcun diritto tv sulla Serie A, l’azienda sarebbe pronta ad abbassare i costi degli abbonamenti per i suoi utenti, i quali continuerebbero, però, ad avere a disposizione almeno 400 partite all’anno, tra cui gli Europei di calcio fino a luglio 2021, la Champions League, l’Europa League, l’Europa Conference League, la Premier League e la Bundesliga, oltre ad altri avvenimenti sportivi relativi alla Moto Gp, alla Formula Uno, al tennis, al basket (Nba) e al rugby.

A questi contenuti, si aggiungono anche Sky TG24, show (Master Chef, XFactor e Italia’s Got Talent e, dalla prossima stagione, Pechino Express), produzioni originali (come Gomorra), Sky Arte e Sky Wifi.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram. Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Seguite inoltre il canale Telegram Offerte TelefoniaTech.

Ileana Gira

Ileana, classe '94 con laurea in Graphic Design, è appassionata di cinema, copywriting e dell'arte in ogni sua forma

Articoli Correlati

Back to top button