Extra

Bruce Willis: l’attore che è stato testimonial Vodafone lascia la recitazione per afasia

L’attore, produttore cinematografico e musicista statunitense, Bruce Willis, è attualmente al centro dell’opinione pubblica, dopo che la sua famiglia ha annunciato il suo ritiro dal mondo della recitazione (lo scorso 30 marzo 2022), a causa di una malattia diagnosticatagli di recente, ovvero l’afasia.

Quest’ultima, in dettaglio, è la perdita della capacità di comporre o comprendere il linguaggio, causata da lesioni alle aree del cervello deputate alla sua elaborazione, che impediscono, dunque, a Bruce Willis di poter svolgere le regolari attività attoriali.

La star di Hollywood, nata il 19 marzo 1955, ha trovato il suo trampolino di lancio nel mondo della recitazione interpretando il detective David Addison (il ruolo gli frutterà un Golden Globe e un premio Emmy) nel telefilm “Moonlighting” (1985-1989).

La piena notorietà, però, arriva nel 1988, grazie all’interpretazione del poliziotto John McClane in “Die Hard(in Italia, “Trappola di cristallo”), primo film dell’omonima saga. Nel 1990, infatti, è presente nel sequel “Die Hard 2” (“58 minuti per morire – Die Harder“), a cui succederà il terzo capitolo, nel 1995, “Die Hard with a Vengeance” (“Die Hard – Duri a morire“). Nel 1994, poi, recita nel cult movie “Pulp Fiction“, diretto da Quentin Tarantino.

Altre interpretazioni di Bruce Willis tra la metà degli anni novanta e i primi anni duemila sono state: “La morte ti fa bella” (1992), “L’ultimo boyscout” (1991), “L’esercito delle 12 scimmie” (1995), “Ancora vivo – Last Man Standing” (1996), “Il quinto elemento” (1997), “Armageddon – Giudizio finale” (1998), “The Sixth Sense – Il sesto senso” (1999), la saga di “FBI: Protezione testimoni” (2000-2002), e “Sin City” (2005).

Nel 2007, esce nelle sale “Live Free or Die Hard” (Die Hard – Vivere o morire), quarto capitolo della saga Die Hard, mentre nel 2010 recita nella pellicola “Red“, incentrata sulle vite di un gruppo di ex agenti della CIA, e fa un cameo nel film dell’amico Sylvester Stallone “I mercenari – The Expendables” (partecipa anche al sequel “I mercenari 2” nel 2012).

Nel 2013 esce “A Good Day to Die Hard” (“Die Hard – Un buon giorno per morire“), quinto capitolo della saga (accolto con minor entusiasmo rispetto ai film precedenti), “Red 2“, e “G.I. Joe – La vendetta” (dove Bruce Willis è fra i protagonisti), sequel di “G.I. Joe – La nascita dei Cobra“.

Nel 2014, Bruce Willis è presente anche nel sequel di Sin City, dal titolo “Sin City – Una donna per cui uccidere“, mentre nel 2018 è protagonista de “Il giustiziere della notte – Death Wish“, remake dell’omonimo film del 1974.

Bruce Willis

Dal 2011, Bruce Willis ha anche partecipato a diversi film di serie B, usciti esclusivamente per supporti home video, in cui ha assunto principalmente ruoli secondari.

Quest’anno 2022, invece, è stato creato un Razzie Award (premi che vengono assegnati ad attori, sceneggiatori, registi, film e canzoni ritenute le peggiori della stagione cinematografica precedente) dedicato alla “Peggiore interpretazione di Bruce Willis in un film del 2021“, poiché l’attore è apparso in otto film usciti durante quell’anno solare.

A seguito dell’annuncio del ritiro dal mondo della recitazione a causa dell’afasia, però, i Razzie hanno deciso di annullare il premio dedicato all’attore americano, dichiarando che “se la condizione medica di qualcuno è un fattore nel suo processo decisionale e/o nella sua performance, riconosciamo che non è appropriato dargli un Razzie“.

Si specifica, infine, che da giugno 2015 a dicembre 2016, Bruce Willis è stato anche testimonial dell’operatore Vodafone, facendo parte di una serie di spot dedicati alla rete 4G.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Ileana Gira

Ileana, classe 1994 con laurea in Graphic Design, è appassionata di cinema, copywriting e dell’arte in ogni sua forma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Adv
Back to top button