App e Social

PayPal non renderà più disponibile il rimborso delle spese di reso

PayPal sta avvisando gli utenti della sua intenzione di non rendere più disponibili i rimborsi relativi alle spese di reso, per la restituzione al venditore di articoli fisici e materiali acquistati con il servizio di pagamento digitale.

La società statunitense ha già pubblicato sul suo sito, nella “Sezione Aiuto” dedicata alle transazioni, un’informativa in cui comunica che, dal 27 novembre 2022, non fornirà più etichette di reso gratuite né accetterà le richieste di rimborso delle spese di reso.

Di seguito, invece, il testo dell’email informativa inviata da PayPal ai suoi utenti a partire da ieri, 27 settembre 2022:

Ciao,
il nostro servizio di rimborso delle spese di reso sta per essere sospeso. A partire dal 27 novembre 2022, PayPal non accetterà più le richieste di rimborso relative alle spese di reso.

Per fare in modo che il tuo reclamo venga accettato, assicurati di inviare eventuali richieste di rimborso idonee prima della data riportata qui sopra. Ricorda che il servizio Protezione acquisti di PayPal continuerà a essere disponibile per gli acquisti idonei. Per scoprire quali sono, clicca qui.

In caso di domande, ottieni ulteriori informazioni visitando la sezione Aiuto. Grazie per avere scelto PayPal.

Cordiali saluti,
PayPal

Il servizio di pagamento digitale, dunque, sta sollecitando gli utenti ad assicurarsi di inviare eventuali richieste di reso idonee prima della suddetta data, per fare in modo che esse vengano ricevute ed esaminate come di consueto. Se approvate, le richieste verranno elaborate anche dopo che i resi gratuiti verranno ritirati.

PayPal

A tal proposito, però, viene specificato che può continuare a usare i resi gratuiti (entro le 23:59 del 26 novembre 2022) solo chi attualmente possiede un conto personale PayPal che ha già attivato il servizio. Non vengono più accettate, infatti, nuove registrazioni.

La società non ha spiegato nel dettaglio i motivi di tale decisione ma nella nota ufficiale si legge che PayPal aggiorna e sviluppa continuamente nuove funzionalità per i propri clienti e che, a volte, alcuni servizi devono essere gradualmente eliminati nell’ambito di questi cambiamenti più grandi.

Alla luce di ciò, comunque, la società statunitense ha ricordato che esistono altre modalità di supporto ai consumatori, come ad esempio la Protezione acquisti, che offre il diritto di ricevere un rimborso corrispondente al prezzo di acquisto totale dell’articolo, comprensivo di eventuali spese di spedizione, in casi di mancata ricezione del prodotto ordinato o qualora l’articolo ricevuto sia significativamente diverso dalla descrizione.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Ileana Gira

Ileana, classe 1994 con laurea in Graphic Design, è appassionata di cinema, copywriting e dell’arte in ogni sua forma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adv
Back to top button