Streaming e TV

Serie A: come stoppare gli abbonamenti sportivi durante la pausa estiva

Domenica, 22 maggio 2022, si è conclusa l’ultima giornata della stagione 2021/2022 del campionato di Serie A, in cui l’AC Milan ha conquistato il suo 19° scudetto e il titolo di “Campione d’Italia“.

Con la pausa estiva in arrivo, dunque, alcune piattaforme sportive, in possesso dei diritti di trasmissione di vari match di calcio, offrono agli utenti la possibilità di sospendere momentaneamente il proprio abbonamento.

Oltre a quello italiano, anche altri campionati calcistici europei sono già in pausa o stanno per concludersi, motivo per il quale DAZN (in possesso dei diritti di trasmissione di tutte le partite di Serie A fino alla stagione 2023/2024) permette agli abbonati disinteressati alla visione di altri sport di mettere in pausa il proprio abbonamento (l’opzione è attivabile tutte le volte che si vuole per un periodo massimo di 4 mesi) o di fruire di uno sconto di 10 euro nel caso in cui non sia possibile tale sospensione.

La suddetta funzione è valida a partire dal termine del mese già pagato e fino alla data selezionata dall’utente.

Durante tale periodo (l’abbonamento è riattivabile in qualsiasi momento), non è possibile vedere i contenuti DAZN (ecco il link diretto) e non viene addebitato alcun importo.

Tale opzione, però, è disponibile al termine dell’eventuale periodo di prova gratuito e solo per chi ha acquistato l’abbonamento direttamente online, sul sito DAZN (non attraverso un’offerta di un partner commerciale), con pagamenti effettuati tramite carta di credito, Paypal o Google Play.

Gli utenti che hanno sottoscritto un abbonamento DAZN attraverso fornitori terzi di servizi di pagamento, come Amazon e Apple, invece, possono richiedere, per l’estate 2022, un gift code del valore di 5 euro al mese, per un massimo di due mesi (per uno sconto complessivo fino a 10 euro).

Serie A

Per quanto riguarda Sky, che fino alla stagione 2023/2024 trasmetterà tre partite per ogni giornata di Serie A, l’emittente non prevede alcuna opzione di sospensione ma offre la possibilità di recedere o disdire il proprio abbonamento a scadenza naturale del contratto (inviando la disdetta almeno 30 giorni prima della data di rinnovo automatico) o con recesso anticipato rispetto alla scadenza del contratto (efficace decorsi 30 giorni dalla data di ricezione della comunicazione di recesso. Questa opzione potrebbe richiedere dei costi).

In merito alla TV streaming di Sky, ovvero NOW (con gli stessi diritti di trasmissione di Sky), è possibile disattivare il rinnovo automatico del Pass Sport fino a 24 ore prima della fine del periodo di visione.

Durante il periodo di pausa del campionato di Serie A, quindi, basterebbe sospendere l’eventuale rinnovo automatico del pacchetto sportivo di NOW, per poi riattivarlo ad agosto 2022, mese d’inizio della stagione calcistica 2022/2023.

Un discorso similare, infine, è valido per Amazon Prime (ecco il link diretto), che offre, tra gli altri contenuti, alcune partite di Champions League fino alla stagione 2023/2024 e permette di stoppare il rinnovo automatico dell’abbonamento mensile per riattivarlo quando lo si desidera (per chi possiede l’abbonamento annuale non è possibile).

In caso di sospensione del rinnovo, sia NOW che Amazon Prime non prevedono costi aggiuntivi e la fruizione dei contenuti è disponibile fino alla fine del mese che era già stato pagato.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Via
repubblica.it

Ileana Gira

Ileana, classe 1994 con laurea in Graphic Design, è appassionata di cinema, copywriting e dell’arte in ogni sua forma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Adv
Back to top button