Scienza e Futuro

Samantha Cristoforetti battezza la nuova costellazione satellitare italiana Iride

È stato scelto il nome della futura costellazione satellitare italiana, “Iride” ad annunciarlo direttamente dalla Stazione Spaziale Internazionale è stata l’astronauta italiana dell’ESA (European Space Agency) Samantha Cristoforetti.

Una costellazione satellitare è un insieme di satelliti artificiali posizionati in un’orbita terrestre bassa (un’altitudine compresa tra 300 e 1000 km) sincronizzati in modo tale da coprire un’area maggiore a terra.

Un singolo satellite, infatti, può coprire una zona relativamente piccola, ma entrando in comunicazione con i suoi “compagni” della costellazione può condividere le sue informazioni fornendo una raccolta dati continua su una superficie maggiore, tra le costellazioni più note troviamo il Sistema di Posizionamento Globale (GPS) e Starlink di SpaceX.

Anche l’Italia lancerà la sua costellazione in futuro, 638 istituti scolastici hanno partecipato al concorso indetto dal Dipartimento per la trasformazione digitale in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), “Spazio alle Idee”. Le 1061 proposte sono state ricevute da una commissione esaminatrice presieduta da Samantha Cristoforetti composta dagli astronauti dell’ESA Luca Parmitano e Roberto Vittori.

Il nome vincitore, “Iride”, è stato annunciato dalla stessa astronauta dell’ESA Samantha Cristoforetti, direttamente dalla Stazione Spaziale Internazionale, in occasione della prima inflight call mediatica a cui hanno preso parte il Ministro per l’Innovazione tecnologica e la transizione digitale, Vittorio Colao, il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, il Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Giorgio Saccoccia e il direttore dell’Esplorazione umana e robotica dell’ESA, David Parker.

Le scuole vincitrici, provenienti dalle province di Alessandria, Messina, Piacenza e Varese saranno premiate nel corso di un evento speciale che si terrà il 1° giugno 2022.

Il Ministro per l’Innovazione e la Transizione digitale, Vittorio Colao ha dichiarato:

“Sono molto grato a tutti gli studenti che hanno preso parte a questo concorso.

Una partecipazione che ci dimostra l’entusiasmo e la passione delle nuove generazioni verso il settore spaziale. Vogliamo continuare a stimolare l’innovazione, sostenere la ricerca e soprattutto creare preziose opportunità lavorative in questo ambito, dove l’Italia vanta un tessuto industriale competitivo e centri di ricerca eccellenti.

Grazie alle ingenti risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza possiamo rilanciare la nostra ambizione strategica sullo Spazio, in collaborazione con ASI, ESA e tutti gli attori istituzionali coinvolti, per rendere l’Italia una protagonista del settore”

 

Il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi ha dichiarato:

“Con questo concorso abbiamo chiesto alle studentesse e agli studenti non solo di dare un nome alla futura costellazione satellitare italiana, ma anche di cogliere l’essenza di questo grande progetto nazionale.

Attraverso il nome selezionato, abbiamo dato identità a un risultato enorme della ricerca europea e in particolare italiana.

E grazie a questa attività con le scuole abbiamo toccato con mano il loro interesse ed entusiasmo nello studio delle discipline come la fisica e la matematica, fondamentali per comprendere cosa è diventato il nostro cielo oggi”

La costellazione supporterà la Protezione civile e le Amministrazioni del territorio nazionale per questioni di sicurezza, contribuendo a contrastare il dissesto idrogeologico, individuare incendi, tutelare le coste, monitorare infrastrutture critiche, la qualità dell’aria e le condizioni meteorologiche. Nel privato, fornirà dati analitici per lo sviluppo di applicazioni commerciali da parte di startup, piccole e medie imprese e industrie di settore.

Nei prossimi cinque anni l’ESA e l’ASI collaboreranno per costruire Iride in Italia, grazie alle risorse messe a disposizione dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr).

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Giuliano Cordovana

Giuliano è nato nel 1996, appassionato di videogiochi, giochi di ruolo e mondi fantastici. Scrive da sempre, ma si è messo in gioco da poco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button