Sicurezza Tech

Cyber Sicurezza: il PNRR stanzia 600 milioni di euro per rafforzare l’ecosistema digitale

Il Ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale ha ufficializzato nella giornata del 30 marzo 2022 un investimento da 600 milioni di euro del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza atto a rafforzare i sistemi di cyber sicurezza del Paese e delle Pubbliche Amministrazioni italiane.

Il 3 marzo 2022 l’Agenzia per la cyber security nazionale ha pubblicato due avvisi pubblici da 25 milioni di euro circa con relativi bandi, uno concluso il 23 marzo 2022 e l’altro in scadenza il 7 aprile 2022.

Questi prevedono interventi di potenziamento della resilienza cyber destinati a Organi Costituzionali e di rilievo Costituzionale, Agenzie Fiscali e Amministrazioni facenti parte del Nucleo per la cyber sicurezza.

Adesso la suddetta Agenzia lavorerà in stretto contatto con il Dipartimento per la trasformazione digitale (DTD) per curare l’attuazione di un nuovo investimento del PNRR connettendo il mondo della Pubblica Amministrazione, dell’impresa e dei fornitori di tecnologia.

Si tratta di un esborso da 600 milioni di euro previsto dall’investimento 1.5 del PNRR (M1C1 Digitalizzazione, innovazione e sicurezza nella PA) che saranno destinati al rafforzamento dell’ecosistema digitale nazionale.

L’obiettivo principale è quello di potenziare i servizi di gestione della minaccia cyber per la protezione delle piattaforme web italiane.

resilienza cyber ecosistema digitale nazionale

L’opera dell’Agenzia per la cyber sicurezza nazionale passa da un’attività strategica pianificata su tre indispensabili pilastri fondanti: innanzitutto bisognerà sviluppare e rafforzare i servizi cyber nazionali in maniera diffusa su tutto il Paese in modo da scovare con facilità gli attacchi informatici malevoli e abbatterli al più presto.

In secondo luogo, si punterà a irrobustire le capacità nazionali di scrutinio e certificazione tecnologica a supporto di un’adozione consapevole di nuove tecnologie digitali.

Il terzo obiettivo, infine, consisterà nel consolidamento della capacità cyber della Pubblica Amministrazione per conservare e gestire in totale sicurezza i dati personali dei cittadini.

A tal proposito l’intervento da 623 milioni di euro servirà, ancor più dettagliatamente, a fortificare le capacità di monitoraggio, alla prevenzione e risposta a rischi ed eventi cyber grazie alla formazione di una rete di servizi opportunatamente integrata con i principali partner pubblici e privati.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Rosario Savoca

Rosario Savoca è un ragazzo nato a Catania nel 2002 che coltiva le passioni per lo sport, la musica e la scrittura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button