Streaming e TV

L’Associazione Codici sulla possibile introduzione dello speed test nell’app di DAZN

L’Associazione Codici ha espresso la propria opinione in merito alla possibile introduzione dello speed test nell’app della piattaforma streaming, DAZN, con l’intento di verificare la qualità della connessione internet dei relativi abbonati.

Se venisse confermata questa indiscrezione, infatti, i consumatori avrebbero la possibilità di fare chiarezza e capire a chi dare la responsabilità degli eventuali disservizi che potrebbero essere riscontrati durante l’utilizzo della piattaforma sportiva.

DAZN, infatti, negli scorsi mesi, è stata oggetto di attenzione a causa dei disagi causati ad alcuni suoi abbonati durante la visione delle partite di Serie A, i cui diritti di trasmissione sono stati acquistati dalla piattaforma streaming lo scorso marzo 2021.

Proprio per questo, l’Associazione Codici ha avviato un’azione di tutela nei confronti degli utenti, chiedendo a DAZN di rimborsare e risarcire i danni di coloro che hanno riscontrato problemi durante la visione dei suddetti match, ed ha espresso il proprio parere favorevole sulla questione dello speed test.

Associazione Codici

Di seguito, una parte della dichiarazione di Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici:

Nel caso in cui l’indiscrezione dovesse essere confermata, con lo speed test i consumatori avrebbero la possibilità di fare chiarezza una volta per tutte e capire di chi è la responsabilità dei disservizi. Finirebbero gli alibi che finora hanno segnato questi mesi di proteste, con il solito scaricabarile.

Oltre alla questione della qualità della connessione internet, riteniamo altrettanto importante anche l’eventuale inserimento tra i motivi del risarcimento dei problemi legati a login, durata del black out e qualità video.

Sono, infatti, questioni oggetto di numerose lamentele che abbiamo ricevuto dagli abbonati: c’è chi è stato costretto a fare più volte il login alla app nel corso della stessa partita, chi ha perso minuti e minuti di partita a causa dei disservizi, chi ha dovuto fare i conti con una qualità video scadente. Disagi evidenti, su cui da mesi chiediamo a DAZN di intervenire tutelando gli abbonati.

Non resta, dunque, che attendere il responso da parte dell’Autorità (AGCOM), per capire se deciderà di far introdurre o meno lo speed test all’interno della piattaforma DAZN.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Ileana Gira

Ileana, classe 1994 con laurea in Graphic Design, è appassionata di cinema, copywriting e dell’arte in ogni sua forma.
Adv
Back to top button