5G e 6G

5G: Corti, l’AD di WindTre, interviene al Forum Asstel sullo sviluppo delle reti in Italia

Oggi, 14 novembre 2022, si è tenuto il Forum nazionale delle telecomunicazioni 2022 di Asstel, dal titolo “Connettiamo il futuro: Competenze, Infrastrutture, Transizione Blue & Green e Servizi per il Decennio Digitale Europeo“, in cui è intervenuto anche l’Amministratore Delegato di WindTre, Gianluca Corti, in merito al 5G e alle relative reti in Italia.

In particolare, presso la sala The Dome, dell’Università Luiss Guido Carli di Roma, è stato presentato il Rapporto sulla Filiera delle Telecomunicazioni in Italia, con lo scopo di evidenziare l’importanza delle TLC a livello globale, le dinamiche di dettaglio del mercato italiano e le prospettive future in termini di servizi per cittadini, imprese e PA.

In questo contesto, l’AD di WindTre si è espresso favorevolmente sull’adeguamento dei limiti elettromagnetici in Italia ai livelli degli altri Paesi europei, in modo da favorire la realizzazione delle reti 5G e, di conseguenza, evitare forti impatti paesaggistici e ambientali, che potrebbero essere causati dall’installazione di nuove antenne dedicate.

5G

Queste, nello specifico, le parole del CEO di WindTre:

L’adeguamento dei limiti elettromagnetici ai livelli in uso negli altri Paesi europei è indispensabile per la realizzazione delle reti 5G. Con le regole attuali non è possibile adeguare l’8% degli impianti attuali e nella metà degli altri impianti possiamo realizzare solo installazioni a potenza ridotta.

Senza un intervento sul tetto alla potenza delle antenne di telecomunicazioni che il nostro Paese si è autoinflitto, pari a un centesimo di quello in vigore in quasi tutto il mondo, resta una sola alternativa teorica, ovvero l’installazione di circa 19.500 antenne nuove.

Un’ipotesi impraticabile, poiché l’aumento delle strutture comporta oltre a forti impatti paesaggistici e ambientali, maggiori oneri per le aziende e consumi elettrici più elevati, basti pensare che una stazione radio base per le telecomunicazioni cellulari consuma quanto venti famiglie.

Secondo una nostra stima l’allineamento dei limiti di potenza delle antenne ai livelli europei farebbe risparmiare più di 150 mila tonnellate di CO2 all’anno.

Un intervento in questa direzione, afferma il manager, costituirebbe inoltre una misura a costo zero, ma di grande efficacia per sostenere l’industry delle Telco, un comparto che accompagna la struttura produttiva del Paese e da cui dipende una parte della competitività internazionale di tutta la nostra industria.

Il Governo sta già intervenendo con misure coraggiose a favore dello sviluppo economico, come quelle relative ai rigassificatori nei porti e alle trivellazioni, l’auspicio è che tale azione possa proseguire anche nell’ambito delle telecomunicazioni.

I timori di reazioni sono esagerati perché il Censis ci dice che meno del 15% degli italiani ha preoccupazioni per gli effetti del 5G sulla salute. E una analisi sulle ricerche in Google relative al 5G conferma che le preoccupazioni per l’elettromagnetismo sono veramente marginali.

Si specifica, infine che Asstel (Assotelecomunicazioni) è l’Associazione di categoria che, nel sistema di Confindustria, rappresenta la filiera delle telecomunicazioni in Italia costituita dalle imprese delle diverse aree merceologiche che le appartengono.

Il suo intento è quello di favorire e promuovere lo sviluppo e la crescita della filiera, nell’interesse generale del sistema economico e produttivo nazionale.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Ileana Gira

Ileana, classe 1994 con laurea in Graphic Design, è appassionata di cinema, copywriting e dell’arte in ogni sua forma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adv
Back to top button