Tech

Ministero Economia e Finanze: tessere sanitarie senza microchip causa crisi dei semiconduttori

A causa della crisi globale dei semiconduttori, dall’1 Giugno 2022 le tessere sanitarie possono essere stampate e distribuite ai cittadini anche senza microchip. A stabilirlo è il Ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef) con un decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 9 Giugno 2022.

Il problema, come sottolineato da Rainews.it in un articolo pubblicato oggi, 29 Agosto 2022, è la scarsità a livello mondiale di semiconduttori, che sta colpendo molti settori e che adesso impone un cambio di formato del documento pubblico.

Il microchip, infatti, è l’elemento che permette alla Tessera Sanitaria (TS) di diventare uno strumento di identificazione in rete, evolvendo in Carta Nazionale dei Servizi (TS CNS) e permettendo di fruire dei servizi della Pubblica amministrazione.

Il documento sprovvisto di microchip, quindi, è utilizzabile solo come Codice Fiscale e Tessera Europea Assistenza Malattia, perdendo quelle funzioni utili all’identificazione, l’autenticazione online e la firma elettronica avanzata.

In farmacia, ad esempio, come spiega in un articolo il quotidiano la Repubblica, è possibile solo passare la tessera con il lettore del codice a barre, per registrare gli acquisti e le detrazioni, mentre non è consentito fissare delle visite specialistiche, per le quali bisogna inserire la CNS nel lettore smart card.

Inoltre in alcuni comuni, come quelli della Regione Lombardia, è richiesta la Carta Nazionale dei Servizi anche per lo smaltimento dei rifiuti, da inserire nei bidoni prima del conferimento, impossibile con una Tessera Sanitaria priva di microchip.

Il ministero ha comunque stabilito che fino al 31 dicembre 2023 sarà possibile continuare a utilizzare la propria tessera sanitaria con microchip, anche se scaduta, per continuare a usufruire dei servizi digitali relativi alla Pubblica Amministrazione.

Per estenderne la validità del proprio documento è necessario, prima della data di scadenza della tessera sanitaria, è disponibile per i cittadini sul sito Sistema Tessera Sanitaria, uno strumento per l’estensione del certificato di autenticazione CNS (ecco il link diretto).

Il tool è disponibile per sistema operativi Windows e necessita dei codici PIN e PUK della tessera sanitaria con funzione di Carta Nazionale dei Servizi ancora in corso di validità, oltre a un lettore smart card.

I cittadini interessati potranno eseguire la procedura anche recandosi presso la propria Asl di competenza o dal proprio medico o farmacista di fiducia, che dovrebbero essere provvisti del lettore e del software necessario.

In ogni caso, sarà comunque necessario accompagnare la carta in scadenza prorogata con quella nuova, ricevuta senza microchip.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Via
Rainews.itrepubblica.it

Mattia Castro

Mattia é nato a Catania nel 1998 e ama da sempre leggere, inventare e raccontare storie. Coltiva la passione per il mondo della tecnologia, i videogiochi, i fumetti e le serie animate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Adv
Back to top button