Streaming e TV

IMDb Top 250: ecco quali sono i film dei registi italiani più votati dagli utenti del sito

Nella classifica internazionale dei “250 film migliori di sempre“, stilata da IMDb, sulla base delle valutazioni effettuate dagli utenti del sito web di proprietà di Amazon.com, sono presenti anche i nomi di pellicole cinematografiche realizzate da registi italiani.

IMDb, Internet Movie Database, nello specifico, è un sito web che si occupa della gestione di informazioni relative a film, attori, registi, personale di produzione, programmi televisivi e videogiochi. Esiste anche una versione a pagamento, denominata IMDb Pro, disponibile per tutti coloro che desiderano pubblicizzare i propri lavori.

Una delle classifiche stilate da IMDb è, appunto, la Top 250, che comprende i primi 250 film di tutti i tempi votati da coloro che sono registrati al sito. Proprio per questo, la classifica è in costante evoluzione, con conseguente possibilità di inclusione o esclusione dalla lista di alcune opere cinematografiche.

Ad oggi, 22 gennaio 2021, IMDb Top 250 vede al primo posto “Le ali della libertà” (1994) di Frank Darabont, mentre al secondo e al terzo posto, rispettivamente, “Il padrino” (1971) e “Il padrino – Parte II” (1974), entrambi di Francis Ford Coppola, regista dell’intera trilogia sulla famiglia Corleone.

Il primo film realizzato da un regista italiano presente nella classifica stilata dal sito web, è “Il buono, il brutto, il cattivo” (1966) di Sergio Leone. La pellicola, appartenente alla cosiddetta “trilogia del dollaro”, si trova al 9° posto (rating 8,8) e narra di tre uomini privi di scrupoli che si ritrovano a collaborare per recuperare un tesoro nascosto in un cimitero.

Il buono, il brutto, il cattivo” è disponibile in streaming su Sky e NOW TV, mentre può essere acquistato/noleggiato su Rakuten TV, Chili, Google Play e Itunes.

Al 21° posto della classifica IMDb (rating 8,6) si trova, invece, “La vita è bella” (1997) di Roberto Benigni, disponibile sulla piattaforma streaming Disney+.

La storia, che si svolge durante il periodo della dittatura fascista, vede Guido Orefice, giovane ebreo, tentare di salvaguardare il figlio Giosuè dagli orrori del campo di sterminio in cui sono stati rinchiusi.

Per conoscere le anteprime, le novità e gli approfondimenti sulla telefonia, è possibile unirsi al canale Telegram di TelefoniaTech per rimanere sempre aggiornati.

IMDb

C’era una volta il west” (1960) di Sergio Leone occupa, invece, il 48° posto in classifica (rating 8,4). Nel film, un vedovo di origini irlandesi, Brett McBain, vive con i figli nel deserto del Kansas. Lì, spera di essere felice insieme alla sua seconda moglie, Jill, che sta per arrivare da New Orleans.

La pellicola è disponile in streaming su Sky e NOW TV e per l’acquisto/noleggio su Rakuten TV, Chili, Google Play e Itunes.

Ad occupare il 50° posto della classifica IMDb Top 250 (rating 8,4) vi è “Nuovo Cinema Paradiso” (1988) di Giuseppe Tornatore, la cui trama gira intorno alla vita di Salvatore, giovane siciliano appassionato di cinema.

Sempre del regista Sergio Leone, al 72° posto (rating 8,3) si trova il film “C’era una volta in America” (1984), mentre “Ladri di biciclette” (1948) di Vittorio De Sica occupa il 99° posto della classifica IMDb.

Gli ultimi due film di registi italiani presenti in lista, infine, sono “Per qualche dollaro in più” (1965) di Sergio Leone, al 117° posto (rating 8,2), e “La battaglia di Algeri” (1966) di Gillo Pontecorvo, al 245° posto (rating 8,0).

Si specifica, in conclusione, che la lista dei film più votati di IMDb include solo lungometraggi; cortometraggi, film TV e documentari non sono inclusi nella classifica.

Quest’ultima è determinata da una formula che calcola sia il numero di valutazioni che ogni film ha ricevuto dagli utenti registrati, sia il valore delle stesse valutazioni ottenute. Per poter essere incluso nella lista, un film deve ricevere valutazioni da almeno 25 mila utenti.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Adv
Back to top button