Chat e SocialViaggi e Mobilità

Waze e Volkswagen a favore della mobilità elettrica: aggiunti i punti di ricarica nelle mappe

La casa automobilistica tedesca Volkswagen ha deciso di appoggiare l’iniziativa dell’app di navigazione Waze a sostegno dei veicoli elettrici.

Infatti, dopo aver aggiunto sulle mappe quasi tutte le stazioni di servizio (oltre 20.000 in Italia), la Community dei Wazers ha scelto di segnalare sull’applicazione anche i punti di ricarica elettrici presenti in tutto il territorio nazionale (per adesso sulle maps sono circa 5000).

Dopotutto proprio Volkswagen sta sviluppando un’intera gamma di modelli a bilancio neutro di carbonio, come la ID.3, un’automobile compatta a batterie che offre tra 330 e 550 km di autonomia e acquistabile al prezzo di un modello tradizionale di categoria simile.

Sponsorizzando tutti i punti di ricarica presenti sull’app di Waze, la società tedesca ha l’obiettivo di contribuire alla visibilità delle infrastrutture elettriche, incentivando così gli automobilisti a scegliere vetture maggiormente ecosostenibili.

Giovanni Tauro, Direttore Marketing di Volkswagen Italia, ha dichiarato:

Waze e la sua Community si sono dimostrati alleati preziosi della mobilità elettrica. La scelta di inserire i punti di ricarica ci fa percepire quanto i consumatori di oggi siano profondamente sensibili verso la sostenibilità. Nella stessa direzione si muove la marca Volkswagen con la compatta elettrica ID.3, primo modello di una gamma a emissioni zero che rende finalmente l’elettrico alla portata di milioni di persone. Per questo abbiamo scelto di supportare l’iniziativa di Waze, per rendere sempre più consapevoli gli automobilisti della facilità di poter ricaricare le proprie vetture elettriche in tutto il territorio italiano.

In più è stata inserita la possibilità di poter personalizzare il puntatore del navigatore di Waze selezionando proprio la ID.3 attraverso la funzione Cambia Auto o direttamente dalle impostazioni di visualizzazione della mappa.

Dario Mancini, Regional Manager Italy and EMEA Emerging Markets, ha commentato:

La nostra Community ha svolto volontariamente un lavoro davvero straordinario a favore della mobilità elettrica e di tutti gli automobilisti che hanno scelto di investire in questa tipologia di veicolo. Ogni giorno i Map Editor dell’app portano avanti progetti in parallelo agli sviluppi e ai cambiamenti del mercato automobilistico e dei trasporti, guardando al futuro e adeguandosi alle novità e alle evoluzioni delle esigenze degli automobilisti. Per questo desidero ringraziarli a nome di tutti gli utenti che beneficiano ogni giorno della loro passione e del loro operato, da oggi anche con una maggiore sensibilità verso l’elettrico e l’ecosostenibilità.

Infatti, secondo le stime del rapporto Energy&Strategy Group della School of Management del Politecnico di Milano (E&S), nel giro di dieci anni le vetture elettriche con targa italiana saranno 7 milioni, fino a coprire il 30% delle immatricolazioni totali.

Attualmente in totale risultano esservi 8200 punti di ricarica pubblici e privati. Nei tre mesi che hanno preceduto questo ottobre 2020 i Map Editors di Waze, la community che conta circa 140 milioni di utenti attivi, hanno inserito sulla mappa 5000 punti di ricarica per veicoli elettrici presenti in tutte le regioni italiane (soprattutto Lombardia, Toscana, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio).

In particolare le città che registrano il numero più alto di punti di ricarica segnalati sono Roma, Firenze, Genova e Bologna. Per trovarli sulla mappa sarà necessario inserire nella barra di ricerca l’emoji della presa di corrente che si trova su qualsiasi dispositivo mobile (iOS e Android).

Si sottolinea infine che ogni punto può ospitare una o anche più colonnine elettriche per la ricarica delle autovetture.

 

Per rimanere sempre aggiornati su nuovi post di TelefoniaTech.it è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram. Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech.it su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Articoli Correlati

Back to top button