Streaming e TVTelco

Report Rai 3: TIM potrebbe essere la prossima Alitalia?

Domani 12 dicembre 2022 il programma di inchiesta Report in onda alle 21:20 su RaiTre dedicherà un servizio a TIM con il titolo “Questa è TIM“.

Il servizio non parlerà della canzone ufficiale dello spot istituzionale di TIM di circa 2 anni fa, cantato dalla cantante Mina con la regia dell’ex Direttore Brand Strategy, Media & Multimedia Entertainment Luca Josi, ma dei problemi finanziari dell’ex monopolista.

Il servizio di Giorgio Mottola con la collaborazione di Norma Ferrara e il montaggio di Giorgio Vallati viene presentato da Report con questa nota:

Tim potrebbe essere la prossima Alitalia.

Per correre ai ripari questa estate la nuova dirigenza ha presentato un piano per dividere l’azienda in due con l’obiettivo di cedere a Cassa depositi e prestiti la rete fissa, su cui grava la maggior parte dei debiti e dei dipendenti. Un progetto che la scorsa settimana è stato ufficialmente bocciato dal governo Meloni che però finora non ha ancora presentato una proposta alternativa.

Nel frattempo, il titolo in Borsa è crollato e gli indici finanziari non lasciano ben sperare. Eppure, 25 anni fa Telecom era una delle aziende floride del nostro Paese e la sesta società di telecomunicazioni del mondo. Come siamo arrivati a questo punto?

Con interviste esclusive a ex presidenti del consiglio ed ex amministratori delegati di Telecom, Report ricostruirà la storia dell’ex azienda di Stato, che dopo un quarto di secolo ha subìto un vero e proprio tracollo finanziario e industriale. Di chi sono state le responsabilità? Con documenti inediti Report accenderà, inoltre, un faro su alcuni progetti e contratti anomali stipulati da TIM nel periodo in cui stava per chiudere l’accordo con Dazn sui diritti della serie A di calcio”.

Nei giorni scorsi anche Reuters ha dedicato dei post a TIM, parlando di voci di interesse da parte di Iliad Group e Poste Italiane ad acquisire una parti dei suoi servizi.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adv
Back to top button