Sicurezza Tech

Codici in favore dei consumatori vittime di truffe sull’assicurazione auto

L’Associazione Codici ha annunciato di aver ricevuto delle segnalazioni da parte di alcuni consumatori, rimasti vittime di una truffa mentre cercavano una nuova assicurazione per la propria auto.

Nello specifico, i truffatori, intercettando il potenziale cliente interessato ad una nuova assicurazione auto (pur avendo scelto siti originali e verificati), inviano un’email o effettuano una telefonata, a nome di un presunto consulente della società, in cui forniscono un falso modello di assicurazione (che non ha alcun valore) e i riferimenti per effettuare il pagamento.

Oltre ad aver pagato per un prodotto contraffatto, i consumatori rischiano anche di ricevere delle multe, nel caso in cui venissero fermati per un controllo stradale, essendo inconsapevolmente sprovvisti di assicurazione.

Di seguito, le parole di Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici, in merito alla questione:

Cercando sul web gli utenti che si sono poi rivolti alla nostra associazione, e che stiamo ora assistendo, hanno trovato e scelto dei siti assolutamente originali e verificati. Tutto in regola, il problema nasce in un secondo momento. Una volta compilato il form online e chiesto il preventivo, l’utente riceve un’e-mail o una telefonata da un presunto consulente della società, che gli fornisce un modello dell’assicurazione ed i riferimenti per effettuare il pagamento.

L’astuzia dei truffatori sta nell’intercettare il potenziale cliente sostituendosi al portale, completando l’iter di sottoscrizione, che risulta però inesistente. Non c’è nessuna assicurazione, il consumatore ha pagato per un prodotto contraffatto, che non ha alcun valore.

E, beffa nella beffa, i consumatori scoprono di essere stati truffati magari quando vengono fermati per un controllo stradale e quindi sanzionati perché sprovvisti di assicurazione. Attenzione, perché parliamo di multe salatissime. Da qui la nostra azione che si snoda lungo due binari, da una parte l’assistenza per la truffa e dall’altra per il verbale ricevuto.

L’Associazione Codici, dunque, per tutelare i consumatori coinvolti, intende offrire assistenza su due fronti: uno relativo alla truffa stessa e l’altro per l’eventuale multa ingiustamente ricevuta.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Telefonia Tech

TelefoniaTech.it nasce con l’obiettivo di informare i lettori su cosa succede nella telefonia e nel mondo della tecnologia.
Adv
Back to top button