App e Social

Antitrust: concluso procedimento istruttorio nei confronti di alcune clausole di TikTok

L’Antitrust italiano (AGCOM) ha concluso un procedimento istruttorio nei confronti della società TikTok Technology Limited, in merito alle clausole contenute nelle sue “Condizioni di Servizio (per gli utenti residenti all’interno di SEE, Svizzera e Regno Unito) e pubblicate nella pagina dedicata del sito ufficiale del social network.

Durante il procedimento, la società interessata ha presentato all’Autorità una nuova versione delle clausole, risultate più chiare e sintetiche rispetto a quelle attuali e coerenti con il Codice del Consumo. L’Autorità, prendendo atto dell’impegno di TikTok, ha disposto la pubblicazione di un estratto del provvedimento sulla homepage del sito web della piattaforma per 30 giorni consecutivi.

Le clausole d’interesse, ritenute vessatorie dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, sono quelle riguardanti le modifiche unilaterali delle condizioni e dei servizi, la risoluzione del contratto, la rinuncia ai diritti sui contenuti pubblicati, le limitazioni e le esclusioni di garanzie e responsabilità a favore della società, insieme alla legge applicabile e al foro competente.

Ai sensi dell’articolo 33, commi 1 e 2, lett. b), d), g), h) e m), dell’articolo 34, comma 1, dell’articolo 35 del Codice del Consumo, infatti, l’AGCM ha determinato che le suddette condizioni determinano uno squilibrio dei diritti e degli obblighi contrattuali a carico del consumatore, oltre ad essere formulate in maniera ambigua e non trasparente, con particolare riferimento ai giovani che utilizzano TikTok.

AGCM

Nello specifico, a detta dell’Autorità, le clausole sulle modifiche unilaterali delle condizioni e dei servizi e sulla risoluzione del contratto non indicano le specifiche motivazioni per cui la società in oggetto può apportare modifiche e assegnano alla piattaforma la facoltà di sospendere o chiudere un account e di imporre restrizioni sui servizi.

La condizione sui contenuti caricati dall’utente in piattaforma, invece, impone ai consumatori rinunce estese anche ai diritti personali e morali d’autore, eccedendo le modalità di funzionamento di TikTok e di condivisione con gli altri utenti, e richiede ai suoi utenti di “garantire” l’assenza di pretese economiche di terzi.

L’AGCM si è espressa anche sulle clausole che interessano le responsabilità della società, definite ambigue e contradditorie, che declinano la maggior parte delle responsabilità derivanti dall’esecuzione del contratto, incluse quelle conseguenti all’inadempimento di TikTok, e prevedono un limite risarcitorio inadeguato per l’effettivo valore economico dei dati personali e dei contenuti forniti dall’utente.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Ileana Gira

Ileana, classe 1994 con laurea in Graphic Design, è appassionata di cinema, copywriting e dell’arte in ogni sua forma.
Adv
Back to top button