App e Social

TikTok: annunciato blocco dei minori di 13 anni e altre misure in risposta al Garante Privacy

TikTok ha annunciato l’impiego di misure ufficiali per adeguarsi alle richieste avanzate dal Garante per la Privacy, legate agli account di utenti minori di 13 anni.

Poco prima delle feste natalizie di Dicembre 2020, il Garante per la Privacy aveva avviato un procedimento istruttorio nei confronti del social network sviluppato da ByteDance, per indagare il rischio presentato dall’applicazione nei confronti della privacy dei minori.

Il Garante aveva inoltre segnalato una eccessiva facilità nell’aggirare il blocco dell’età di iscrizione, permettendo anche a giovanissimi di entrare in contatto con i contenuti pubblicati nella home di TikTok.

Nei giorni successivi, in seguito alla tragica vicenda avvenuta a Palermo, il Garante aveva poi disposto il blocco immediato degli account senza data di nascita accertata e verificata, per tutelare la salvaguardia dei minori.

TikTok ha quindi deciso di adeguarsi alle richieste del Garante, e a partire dal 9 Febbraio 2021 bloccherà tutti gli account italiani e chiederà di confermare nuovamente la data di nascita per poter tornare a usare l’applicazione.

I minori di 13 anni che segnaleranno la propria data di nascita in modo corretto, vedranno il proprio account rimosso dall’applicazione, e per assicurare il rispetto della regola in questione, TikTok ha promesso l’implementazione di un sistema di intelligenza artificiale per il riconoscimento dell’età.

Dato che la sede legale di TikTok è in Irlanda, la società si è per ora impegnata ad avviare con l’Autorità della Privacy irlandese una discussione sull’impiego dell’intelligenza artificiale per verificare l’età dei proprietari degli account, con particolare attenzione alla protezione dei dati di minori.

L’Autorità Garante per la privacy italiana si è comunque riservata di verificare e vigilare nel corso dei prossimi tempi sull’effettiva efficacia delle misure annunciate dagli sviluppatori di TikTok.

tiktok blocco minori 13 anni italia

Ginevra Cerrina Peroni, vice Presidente del Garante per la protezione dei dati personali, ha dichiarato in un’intervista, in merito alle attenzioni sulla privacy dei minori:

È un passo molto importante: per la prima volta in Europa un’Autorità garante ottiene risposte concrete da TikTok, che tra l’altro ha il suo stabilimento principale Europa in Irlanda, su una questione centrale come l’accesso dei ragazzi che abbiano meno di 13 anni e la gestione dei loro dati. Dobbiamo evitare che, per accertare l’età anagrafica degli utenti la piattaforma entri in possesso di altri dati oltre a quelli già raccolti sugli utenti. TikTok si è anche impegnato ad avviare una campagna di informazione per sensibilizzare le famiglie a sorvegliare i figli che siano iscritti. E anche noi procederemo in questa direzione.

In seguito all’intervento del Garante, inoltre, TikTok ha implementato dal 25 Gennaio 2021 una voce all’interno dell’applicazione per segnalare rapidamente i profili di utenti che sembrano essere minori di 13 anni, in aggiunta alla promessa di incremento del numero di moderatori di lingua italiana nel team di gestione della piattaforma.

Il Garante della Privacy, in collaborazione con il Telefono Azzurro, lancerà anche una campagna di sensibilizzazione con l’obiettivo di richiamare l’attenzione dei genitori verso la necessità di azioni di vigilanza nei confronti dei più piccoli per rafforzare la tutela, invitandoli a prestare attenzione al momento dell’iscrizione sui social network dei figli.

TikTok ha annunciato poi ulteriori modifiche al riassunto della propria Informativa Privacy contenuta nell’applicazione e diretta ai minori di 18 anni, per rendere più chiara e coinvolgente la lettura sui tipi di dati personali e informazioni raccolti dall’applicazione.

Infine, TikTok ha annunciato l’avvio di una campagna informativa sia sull’applicazione, tramite banner e link che riporteranno agli strumenti di sicurezza e a una guida su come impostare un account privato, che sul web e sulla carta stampata, con obiettivo i genitori, per ricordare loro il limite d’età e le informazioni sulla privacy più importanti.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Enrico Pesce

Laureato in lingue orientali e da sempre immerso nel mondo della tecnologia, delle comunicazioni e del web
Adv
Back to top button