Sicurezza Tech

Truffa gli operatori con SIM e partite IVA fittizie: processo a Salerno per un commercialista

Nella città di Salerno si è tenuto un processo ai danni di un commercialista che ha cercato di truffare alcune compagnie telefoniche intestando schede SIM a persone inconsapevoli.

La notizia è stata riportata da L’Occhio di Salerno, che ha raccontato di come il professionista sia stato accusato di condotta infedele per aver aperto circa 500 partite IVA fittizie, creando una truffa milionaria ai danni degli operatori.

In un momento in cui i privati e le aziende stanno entrando sempre più in contatto con i servizi digitali, quella delle truffe cibernetiche è una pratica che sta diventando via via più diffusa, con raggiri che spesso vengono attuati all’insaputa delle vittime.

L’uomo avrebbe creato una truffa milionaria ai danni di TIM, Vodafone, WindTre e Fastweb, e sarebbe stato accusato di di essere entrato in possesso dei documenti di identità di soggetti terzi, ai quali avrebbe poi intestato partite IVA fittizie necessarie per l’attivazione delle schede SIM a loro insaputa.

Secondo quanto riportato, l’imputato G.L., originario di Vietri sul Mare (SA) ma attivo nella città di Salerno, è stato rinviato a processo da Alfonso Scermino, il Giudice dell’Udienza Preliminare che si è occupato del caso.

Insieme a G.L., attivo nel ruolo di commercialista presso l’Agenzia delle Entrate, sarebbero state accusate come complici anche altre sei persone, con le quali avrebbe creato e messo in atto il raggiro milionario.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Via
OcchioNotizie.it

Telefonia Tech

TelefoniaTech.it nasce con l’obiettivo di informare i lettori su cosa succede nella telefonia e nel mondo della tecnologia.
Adv
Back to top button