Sicurezza Tech

Striscia la Notizia su spam e phishing ai danni di consumatori interessati al servizio di cashback

Lo scorso sabato 23 gennaio 2021, durante la puntata di Striscia la Notizia andata in onda su Canale 5, si è parlato di alcuni tentativi di raggiro ai danni di utenti ignari, interessati al servizio di cashback.

Il servizio è stato curato dall’inviato del programma, Riccardo Trombetta, che, nello specifico, ha informato i telespettatori riguardo alla possibilità di ricevere email di spam o di phishing in cui viene richiesto ai destinatari di aggiornare la propria situazione finanziaria al fine di ottenere il cashback di Stato. L’intento, invece, è quello di rubare i dati sensibili dei malcapitati.

Striscia la Notizia

Nel dettaglio, nella prima parte del servizio di Striscia la Notizia (ecco il link diretto) viene mostrato il contenuto di una email in cui si legge: “Gentile utente, la tua posizione finanziaria deve essere aggiornata, per ottenere il cashback di Stato 2021 dovrai compilare il modulo allegato alla presente mail. Qui sotto troverai un modulo in formato PDF da stampare e compilare in modo da poterlo spedire con posta prioritaria. Cordiali saluti, e buon anno nuovo“.

A tal proposito, Denis Frati, esperto di sicurezza digitale, intervistato tramite videochiamata dall’inviato di Striscia la Notizia, ha dichiarato:

Monitorando le email di phishing e di spam e scam, che vengono giornalmente inviate, ci siamo accorti della presenza di questa email che chiedeva ai destinatari di aggiornare la propria posizione fiscale per poter ottenere il cahback di Stato. Quindi, esaminando l’email di phishing, ci siamo accorti che porta al download in archivio di un file Zip, al cui interno è presente un falso modulo PDF. Una volta lanciato questo file eseguibile, vengono installate sul computer della vittima una serie di funzionalità malevole, tra cui la registrazione dei tasti che la vittima esegue sulla tastiera e una raccolta di informazioni dal computer. Tutte queste informazioni, poi, vengono mandate ad un server di command and control, da cui il “padrone del virus” può gestirle e ordinarle nel modo migliore. Proprio per il numero di vittime che avrebbe potuto avere questa tipologia di frode, ci è parso importante comunicarla ad un ente governativo, il Cert-Agid, con il quale colloquiamo molto frequentemente. Quindi, gliela si è prontamente segnalata perché potessero essere intraprese le azioni di contrasto del caso.

Cert-Agid, Agenzia per l’Italia digitale, infatti, ha ufficialmente confermato, tramite il suo sito ufficiale, che quella precedentemente descritta è, a tutti gli effetti, una truffa tecnologica.

Prima di concludere il servizio, l’inviato di Striscia la Notizia, Riccardo Trombetta, ha consigliato ai telespettatori di aggiornare sempre l’antivirus del pc e, inoltre, di evitare di cliccare sugli allegati che arrivano all’interno di email considerate sospette.

Sempre nell’ambito delle truffe tecnologiche, si ricorda che, di recente, l’inviata di Striscia la Notizia, Stefania Petyx ha realizzato un servizio dedicato all’attacco hacker effettuato ai danni di AMG Gas.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Adv
Back to top button