Sicurezza Tech

Vodafone Informa e le frodi informatiche: attenzione alle presunte rimodulazioni

Non di rado i clienti di telefonia mobile sono vittime di frodi e inganni digitali come la truffa del sì, gli abbonamenti indesiderati a servizi a pagamento, le truffe via Whatsapp oppure gli avvisi di presunte rimodulazioni in realtà non veritiere.

Uno schema che si ripete spesso è il seguente: un utente viene contattato da un operatore (che conosce la compagnia telefonica di appartenenza del malcapitato) e lo informa che la sua tariffa sta per subire modifiche e aumenti dei costi.

In seguito gli vengono suggerite alcune offerte convenienti da poter attivare cambiando gestore. Lo stesso inganno viene messo in atto anche utilizzando un altro canale: i messaggi istantanei tramite app come Whatsapp.

Un altro inganno è legato alle chiamate senza risposta ricevute da numeri sconosciuti o esteri. In genere si tratta di pochi squilli che spingono l’utente a richiamare così da poter, a quel punto, prosciugare il credito telefonico addebitando sul suo numero costi elevati per la telefonata.

Vodafone tramite i suoi canali informativi (come la pagina Vodafone Informa) mette in guardia i propri clienti fornendo loro consigli volti a riconoscere le comunicazioni ufficiali e fidarsi solo dell’originale.

In dettaglio l’avviso presente sulla pagina ufficiale dell’operatore rosso è il seguente:

Sei stato contattato da un affabile e cortese operatore che ti informava di un aumento della tua tariffa e ti proponeva un cambio verso un gestore più conveniente? Hai fatto una segnalazione al nostro call center e successivamente ti hanno contattato proponendoti un fantastico ed irripetibile passaggio ad altro operatore? Ricevi messaggi WhatsApp con la richiesta di documenti per completare o velocizzare la gestione delle tue segnalazioni o inviti a chat di Telegram per favolose offerte speciali? Trovi sul tuo telefono chiamate da ignoti numeri esteri? Non sono i nostri operatori a chiamarti ma soggetti che attraverso comunicazioni apparentemente inviate da Vodafone o da nostri partner commerciali tentano di acquisire illecitamente i tuoi dati o le tue credenziali. Vodafone non ti chiederà mai di inviare il tuo documento di identità o i tuoi dati personali su canali non ufficiali ne’ ti invierà comunicazioni contenenti link che rimandano a pagine web che ne chiedono l’inserimento. La tua sicurezza per noi è importante! Nel caso avessi ricevuto questi contatti ed hai dubbi sulla reale identità del mittente ricordati di non rispondere al messaggio e di non inoltrare i documenti richiesti.

Per non cadere nella trappola si consiglia di non fornire mai dati personali se non si è certi dell’effettiva affidabilità del destinatario, di diffidare sempre e cercare riscontro nei vari canali ufficiali messi a disposizione dall’operatore di appartenenza.

In particolare, oltre al servizio clienti, Vodafone dispone di alcuni canali digitali di assistenza (i cosiddetti Digital Services) contattabili 24 ore su 24 come TOBi e l’app MyVodafone. Con TOBi, ad esempio, è possibile aprire una segnalazione digitando Reclamo sulla chat con l’assistente virtuale.

Nel caso in cui si dovessero rilevare dei comportamenti anomali è consigliabile segnalare sempre l’accaduto permettendo così al gestore (o a chi di dovere) di intervenire con le giuste precauzioni e di informare la comunità per evitare ulteriori danni ad altri consumatori.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Adv
Back to top button