App e Social

Influencer: pubblicate da AGCOM le linee guida per condivisione di contenuti audiovisivi

L’AGCOM (Autorità per per le garanzie nelle comunicazioni) ha recentemente pubblicato le linee guida volte a garantire il rispetto da parte di influencer (vlogger, streamer, creator e uploader) delle disposizioni del Testo unico sui servizi di media audiovisivi.

Si tratta, in particolare, di soggetti che creano, producono e diffondono al pubblico contenuti audiovisivi, su cui esercitano la responsabilità editoriale, tramite piattaforme per la condivisione video o social media, e che sono suscettibili di generare reddito direttamente in esecuzioni di accordi commerciali con produttori di beni e servizi o indirettamente in applicazione degli accordi di monetizzazione applicati dalla piattaforma o dal social media utilizzato.

Ferma restando la disciplina nazionale e la regolamentazione dell’Autorità in materia di contenuti generati dagli utenti distribuiti su piattaforme di condivisione video, le Linee guida definiscono un insieme di norme indirizzate agli influencer operanti in Italia che raggiungono, tra l’altro, almeno un milione di follower sulle varie piattaforme o social media su cui operano e hanno superato su almeno una piattaforma o social media un valore di engagement rate medio pari o superiore al 2% negli ultimi 6 mesi (ossia, che hanno suscitato reazioni da parte degli utenti, tramite commenti o like, in almeno il 2% dei contenuti pubblicati).

I contenuti diffusi dagli influencer, secondo le linee guida (ecco il link diretto): non devono contenere alcuna istigazione o provocazione a commettere reati ovvero apologia degli stessi; devono garantire il rispetto della dignità umana (non legittimando la violenza, l’odio o la discriminazione); non devono contenere elementi suscettibili di determinare la deresponsabilizzazione dell’autore o la corresponsabilizzazione della vittima di violenza, odio, di discriminazione o di lesione della dignità umana o di qualsiasi altra forma di vittimizzazione secondaria; rispettano le norme in tema di tutela dei minori assicurando di non pubblicare contenuti gravemente nocivi allo sviluppo fisico, psichico o morale dei minori.

In merito a quest’ultimo caso, all’atto del caricamento del contenuto, gli influencer devono usare, ove disponibili, le funzionalità fornite dalla piattaforma per la condivisione di video per indicare che il contenuto contiene contenuti potenzialmente nocivi per i minori.

Gli influencer, inoltre, devono evitare il ricorso a tecniche subliminali (sia per contenuti informativi o di intrattenimento che per comunicazioni commerciali) e devono rispettare le norme in tema di comunicazioni commerciali, televendite, sponsorizzazioni e inserimento di prodotti (divieto di pubblicità occulta), riconoscendo altresì le norme esplicitate nel Regolamento Digital Chart sulla riconoscibilità della comunicazione commerciale diffusa attraverso Internet.

In caso di contenuti con inserimento di prodotti, infatti, gli influencer devono riportare nel testo che accompagna il contenuto, o in sovrimpressione all’interno del contenuto medesimo, una scritta che evidenzi la natura pubblicitaria del contenuto in modo immediatamente riconoscibile.

Oltre a ciò, gli influencer devono: garantire la presentazione veritiera dei fatti e degli avvenimenti; garantire il rispetto delle disposizioni in materia di tutela del diritto d’autore e della proprietà intellettuale; verificare la correttezza e l’obiettività delle informazioni, anche attraverso la menzione delle fonti utilizzate (deve essere chiaramente individuabile il mittente o creatore del video e deve essere disponibile un dato di contatto); porre in essere azioni di contrasto alla disinformazione online.

In caso di violazione delle disposizioni sopra richiamate, si applica il relativo presidio sanzionatorio secondo quanto previsto dal Testo unico, ovvero da 10 mila a 250 mila euro per la trasparenza pubblicitaria, da 30 mila a 600 mila euro in materia di obblighi di tutela dei minori.

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis ai canali ufficiali di Telegram e Whatsapp.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, X e Instagram.

Questo post può contenere link di affiliazione, attraverso i quali ogni acquisto o ordine effettuato permette a questo sito di guadagnare una commissione. In qualità di affiliati Amazon e di altri store terzi, otteniamo una commissione sugli acquisti idonei, senza alcun costo aggiuntivo per l'utente.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Grazie per essere qui, ci teniamo a informarti che con Adblock attivo non riusciamo a mantenere i costi di questo servizio. La nostra politica è di non adottare banner invasivi. Aggiungi TelefoniaTech.it tra le esclusioni del tuo AdBlock per permetterci di continuare a offrirti il nostro servizio gratuito.