Extra

Comitato Edufin: dati sulla situazione economica delle famiglie ed educazione finanziaria in Italia

Oggi, 31 ottobre 2022, in occasione dell’evento conclusivo della quinta edizione del Mese dell’Educazione Finanziaria, #OttobreEdufin2022 (dalle ore 14:30) saranno diffusi i dati del Rapporto Edufin 2022, realizzato dal Comitato Edufin, sulla situazione economica delle famiglie e i livelli di alfabetizzazione finanziaria in Italia.

Nello specifico, il Comitato si occupa di programmare e promuovere iniziative di sensibilizzazione ed educazione finanziaria, per migliorare le competenze in materia di risparmio, investimenti, previdenza e assicurazioni.

In particolare, durante il Mese dell’Educazione Finanziaria sono stati promossi seminari, lezioni, laboratori e spettacoli gratuiti in tutto il territorio nazionale.

Il Comitato Edufin, diretto dalla professoressa Annamaria Lusardi, è composto da: Ministero dell’Economia e delle Finanze, Ministero dell’Istruzione, Ministero dello Sviluppo Economico, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Banca d’Italia, Consob, Covip, Ivass, Ocf e Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti.

Di seguito, le parole della direttrice del Comitato:

L’educazione finanziaria è indispensabile per costruire il futuro collettivo, non solo individuale ed è collegata alla stabilità finanziaria del Paese. Per questo motivo non sono più sufficienti iniziative frammentate, ma è necessario prevedere programmi su vasta scala per aumentare le conoscenze finanziarie, assicurative e previdenziali degli italiani, con offerte formative specifiche per le fasce di popolazione più vulnerabili, come i giovani e le donne.

Ed occorre partire con l’educazione finanziaria il più presto possibile. Per questo siamo qui oggi al Museo Explora di Roma. Partiamo dai giovani, e facciamolo subito.

Il Rapporto Edufin 2022, denominato “Educazione finanziaria: strumento d’orientamento in tempo d’incertezza” e realizzato in collaborazione con Doxa, ha rivelato che, negli anni, è aumentata la quota di italiani che vorrebbe l’introduzione dell’educazione finanziaria sia nelle scuole (dall’86,5% all’89,1%) che sul posto di lavoro (dal 76,5% al 79,5%).

I dati riportano anche un aumento della notorietà del Comitato Edufin (dall’8,5% al 12,1%) e del Mese dell’Educazione Finanziaria (dal 12% al 18,9%), che si aggiungono alla consapevolezza dell’esistenza di una Strategia nazionale per l’educazione finanziaria (un italiano su dieci).

Per quanto riguarda le conoscenze finanziarie, dal rapporto risulta che circa il 67% della popolazione italiana conosce gli effetti dell’inflazione sul potere di acquisto, ma rimane bassa la percentuale di persone con un elevato livello di conoscenza finanziaria (44,3%), soprattutto tra i più giovani (30,5%).

Sui temi previdenziali, per esempio, è emerso che più del 50% degli intervistati dichiara di conoscere approssimativamente il rischio di longevità e il funzionamento del primo pilastro della previdenza pubblica. Nonostante ciò, la percentuale di coloro che conoscono effettivamente questi concetti e il loro funzionamento risulta più bassa.

In merito ai principali fattori di stress finanziario delle famiglie, il Rapporto del Comitato Edufin riporta che essi riguardano l’aumento dei prezzi di beni alimentari ed energetici, la paura di non avere risparmi sufficienti per affrontare le emergenze e le oscillazioni dei mercati finanziari.

Inoltre, inflazione, guerra e oscillazioni dei mercati hanno condizionato le aspettative degli intervistati e le loro intenzioni di investimento.

Emergono, quindi, una minore disponibilità a investire, soprattutto nelle forme più rischiose, e un disorientamento sulle decisioni da prendere, che si sostanzia nel mantenimento dello status quo.

L’importanza riconosciuta al tema della sostenibilità, infine, non si traduce ancora in scelte di investimento orientate ai prodotti finanziari sostenibili, nonostante sembri incidere nell’incremento delle intenzioni di investimento future.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Ileana Gira

Ileana, classe 1994 con laurea in Graphic Design, è appassionata di cinema, copywriting e dell’arte in ogni sua forma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adv
Back to top button