Streaming e TV

Disney+: dal 4 Settembre 2020 Mulan in anteprima con pagamento extra

Dal 4 Settembre 2020 i già abbonati a Disney+, la piattaforma di streaming video che offre i contenuti Disney, Pixar, Marvel, Star Wars, National Geographic e altri, potranno richiedere l’accesso VIP (dal costo una tantum di 21,99 euro) per guardare in anteprima il film di Mulan.

Una volta acquistato l’accesso VIP, la visione del nuovo titolo targato Walt Disney sarà disponibile su disneyplus.com e su piattaforme selezionate, tra cui Apple e Google, prima che venga messo a disposizione di tutti gli altri abbonati Disney+.

Il cliente potrà guardare Mulan anche più volte e accedervi per tutta la durata del suo abbonamento alla piattaforma. Infatti, come sostenuto dal servizio clienti, è come se si acquistasse una sorta di DVD virtuale del film.

Si ricorda che possono creare un account Disney+ solo coloro che dispongono di una connessione ad internet, che hanno già compiuto la maggiore età (18 anni) e che sono residenti in un paese dove è disponibile il servizio.

I dispositivi compatibili con Disney+ sono smartphone e tablet (tramite app scaricabile gratuitamente), Smart TV compatibili, browser web, set top box e console di gioco come Sony PlayStation 4 e Xbox One.

Gli abbonamenti attivabili (ecco il link diretto) si dividono in mensile e annuale. Il primo ha un costo di 6,99 euro al mese con rinnovo automatico alla fine del periodo di fatturazione (salvo disdetta), mentre il secondo prevede una spesa di 69,99 euro, consentendo di risparmiare circa il 15% rispetto ad una eventuale sottoscrizione mensile per un periodo della durata di 12 mesi.

Infine si sottolinea che per ciascun account registrato sono concesse fino a quattro visualizzazioni di contenuti in contemporanea, mentre i download sono permessi su massimo dieci dispositivi.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Adv
Back to top button