Energia

Arera: aumenti in bolletta nel mercato tutelato e bonus automatico per famiglie vulnerabili

Arera, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, ha rilasciato un aggiornamento sull’andamento dei prezzi di energia e gas nel mercato tutelato, per il primo trimestre del 2021.

Secondo quanto comunicato dall‘Autorità, tramite un aggiornamento rilasciato il 29 Dicembre 2020, per via delle alte quotazioni delle materie prime all’ingrosso, i prezzi per le utenze sono tornati ai livelli di inizio 2020, con un incremento delle bollette dell’energia per la famiglia tipo del +4,5% per l’elettricità e del del +5,3% per il gas.

Le crescite sono in linea con quelle del precedente trimestre e con la consuetudine stagionale, che vede un aumento legato alla domanda invernale, e permettono alla famiglia tipo, nonostante i rincari, di beneficiare di un risparmio complessivo di circa 146 euro annui.

La famiglia tipo, sulla quale è stata effettuata la stima, prevede un consumo medio di energia elettrica di 2.700 kWh all’anno e una potenza impegnata di 3 kW, con consumi per quanto riguarda il gas di 1.400 metri cubi annui.

Stefano Besseghini, Presidente di Arera, ha dichiarato:

La variazione di questo trimestre ci restituisce una dinamica sostanzialmente in linea con gli andamenti stagionali e con valori delle materie prime non dissimili da quelli dello scorso anno. Nel complesso, le anomalie di prezzo e di volume legate all’emergenza Covid, hanno consentito un risparmio alle famiglie nel corso dell’anno con un beneficio residuo che si protrarrà anche nel primo trimestre del 2021. Le prospettive di recupero dell’economia e l’augurio che la situazione sanitaria evolva per il meglio, richiedono ora più che mai di focalizzare l’attenzione su quegli interventi e investimenti che possono contribuire al miglioramento della bolletta degli italiani.

L’Arera ha poi ricordato una novità in arrivo dal 1° Gennaio 2021, rappresentata dai bonus sociali di sconto sulla bolletta, che saranno riconosciuti in modo automatico alle famiglie in stato di bisogno.

Dal 2021 infatti, i cittadini aventi diritto al bonus per disagio economico non dovranno più presentare la richiesta presso i CAF o i Comuni, visto che l’assegnazione automatica del bonus sarà gestita direttamente dai gestori di dati sulle utenze e sull’ISEE (Acquirente Unico e INPS), a partire dal mese di Gennaio 2021, indipendentemente dall’entrata a regime o meno del meccanismo attuativo.

Secondo l’Arera, per l’anno in corso (composto dal trimestre in corso e dai tre trimestri precedenti, dal 1° Aprile 2020 al 31 Marzo 2021) la spesa per la famiglia tipo di energia elettrica sarà di circa 488 euro, con un cambiamento del -10,2% rispetto ai 12 mesi precedenti, pari ad un risparmio di circa 55 euro annui.

Nello stesso periodo di tempo, la spesa prevista per la bolletta del gas è di circa 950 euro, con un risparmio di circa 91 euro annui, ovvero il -8,8% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente.

L’Arera ha poi dichiarato che l’aumento di prezzi previsto per il prossimo trimestre è legato alla crescita della quotazione delle materie prime energetiche, e che infatti il Prezzo Unico Nazionale dell’energia elettrica risulta in aumento +15% circa rispetto al terzo trimestre, tornando ad allinearsi al corrispondente livello del 2019.

arera luce lampadina

Per quanto riguarda l’energia elettrica, l’aumento ha un impatto del +4% rispetto al prezzo finale della famiglia tipo, che nella bolletta sarà scomponibile in +3,5% nella voce energia PE, in -1,5% nella voce di dispacciamento PD, in +1,8% nella voce di perequazione PPE e in +0,2% per le componenti di commercializzazione.

Le tariffe regolate di rete, composte da trasmissione, distribuzione, misura e componente di perequazione, aumenteranno del +0,57%, mentre gli oneri di sistema rimarranno complessivamente invariati, con un cambiamento del -0,03%.

Il gas naturale invece prevede un aumento legato alla materia prima, il cui impatto sul prezzo finale delle famiglie tipo sarà del +4,9%, in previsione delle quote attese per il prossimo trimestre nei mercati all’ingrosso.

Per il gas naturale si prevede una leggera crescita delle tariffe regolate per quanto riguarda il trasporto e la gestione del contatore con +0,3%, e con il +0,1% per gli oneri generali di sistema, con un cambiamento generale del +5,3% per l’utenza tipo in tutela.

L’Arera segnala inoltre che l’aumento del prezzo dell’elettricità risulta legato al prezzo a termine nel mercato all’ingrosso del gas naturale, utilizzato per l’aggiornamento della tutela, o TTF, previsto in aumento del +23% nel primo trimestre del 2021 rispetto all’anno precedente.

L’aumento di costi del gas naturale, secondo quanto riportato dall’Autorità, dipende anche dai rialzi nel mercato della CO2, che si è assestata ai 30 euro a tonnellata in seguito agli innalzamenti dei target di riduzione delle emissioni da parte dell’Europa.

A questi aumenti ha anche contribuito una progressiva ripresa dei consumi, nonostante nei primi 11 mesi del 2020 la domanda elettrica abbia registrato un calo complessivo di circa -6% rispetto allo stesso periodo del 2019.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech.it è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram. Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech.it su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Seguite inoltre il canale Telegram Offerte TelefoniaTech.

Enrico Pesce

Laureato in lingue orientali e da sempre immerso nel mondo della tecnologia, delle comunicazioni e del web

Articoli Correlati

Back to top button