App e Social

Telegram si aggiorna: topic nei gruppi, username collezionabili e trascrizione dei videomessaggi

Nei giorni scorsi, Telegram ha subito un nuovo aggiornamento che ha introdotto diverse novità, tra le quali un sistema di topic per organizzare i gruppi, dei nuovi username collezionabili e la possibilità di trascrivere i videomessaggi.

Partendo dai topic per i gruppi, la nuova funzionalità è disponibile esclusivamente per le chat molto numerose, che contano oltre 200 membri, e permette di creare, all’interno del gruppo, degli spazi separati per argomenti, in modo da facilitare la lettura dei messaggi.

Si tratta a tutti gli effetti di chat individuali all’interno di un gruppo, che supportano i rispettivi media condivisi e le impostazioni di notifica, oltre alle classiche funzioni come i sondaggi, i messaggi fissati e i bot.

Gli amministratori di un gruppo possono abilitare la nuova funzione attraverso le impostazioni dello stesso, con la possibilità di controllare, tramite i permessi, chi è autorizzato a creare i vari topic e a gestirli.

A questo proposito, nella comunicazione dedicata all’aggiornamento, Telegram ha fatto sapere di voler introdurre nel corso del 2022 anche altre funzionalità, dedicate ai gruppi più piccoli.

L’ultimo aggiornamento dell’app di messaggistica ha introdotto anche una nuova forma di nomi utente collezionabili, da poter assegnare ai propri account e chat pubbliche, in aggiunta al nome utente di base.

A differenza di quest’ultimo, gli username collezionabili possono anche avere una lunghezza inferiore a 5 caratteri e una volta acquisitone uno, l’utente ha il totale controllo sul nuovo nome utente, potendolo scambiare o conservare per un uso successivo.

Questo perché la proprietà dei nomi utente collezionabili è garantita da TON (The Open Network), una rete blockchain che permette di acquistare e vendere domini Telegram tramite una piattaforma dedicata.

Gli username collezionabili funzionano come quelli standard, apparendo nei risultati della ricerca globale, e hanno dei link propri che possono essere utilizzati anche al di fuori di Telegram.

I nuovi username collezionabili possono inoltre essere disattivati, per renderli invisibili nei risultati della ricerca e senza che l’utente perda il nome.

Un’ulteriore novità è rappresentata dall’introduzione di un’opzione per convertire, in tempo reale, i videomessaggi in testo, disponibile esclusivamente per gli utenti abbonati a Telegram Premium, che finora potevano usufruire della stessa funzionalità solo per i messaggi vocali.

Si è aggiornata anche l’interfaccia utente, con una nuova animazione quando si scorre a sinistra per rispondere a un messaggio e una nuova schermata di caricamento visibile nel mentre l’applicazione carica la chat di un gruppo o di un canale.

L’aggiornamento ha anche aggiunto un nuovo menù per selezionare diverse opzioni di chiamata, accessibile toccando il numero di telefono dell’utente desiderato nella sua pagina profilo.

Inoltre, i temi per la modalità notte su iOS sono stati ridisegnati, con colori più equilibrati e migliori effetti di sfocatura durante lo scorrimento del testo.

Su Android il ridimensionamento del testo, modificabile nelle impostazioni della chat, adesso ha effetto su tutto il resto della schermata, comprendendo anche le anteprime dei link e i titoli delle risposte.

Il nuovo aggiornamento ha poi introdotto quattro nuove emoji interattive, che riproducono degli effetti a schermo intero all’interno delle chat, utilizzabili anche come reazioni ai messaggi. L’update ha anche introdotto tre nuove reazioni.

Infine, per gli utenti Premium, l’aggiornamento ha reso disponibile 12 nuovi set di emoji a tema Halloween, da utilizzare nei messaggi e nelle didascalie o da impostare come stati.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Mattia Castro

Mattia é nato a Catania nel 1998 e ama da sempre leggere, inventare e raccontare storie. Coltiva la passione per il mondo della tecnologia, i videogiochi, i fumetti e le serie animate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adv
Back to top button