App e Social

Google Foto: cosa sapere sulla nuova policy legata allo storage non più illimitato

A partire da oggi, 1 Giugno 2021, Google Foto applica una nuova policy per lo storage: tutte le foto e i video caricate sul sistema riempiranno i 15 GB di archiviazione disponibili di base per ogni account Google, oppure lo spazio di archiviazione addizionale se l’utente ha sottoscritto un piano tariffario con Google One.

Il cambiamento di policy è stato già annunciato l’11 Novembre 2020, e Google ha spiegato le motivazioni di tale scelta: al momento dell’annuncio, Google Foto conteneva più di 4 miliardi di miliardi di foto salvate, e il ritmo cresce ogni settimana con 28 miliardi di nuove foto e video caricate sul sistema.

Per ovviare al problema di spazio e garantire la presenza di Google Foto per il futuro, è stato dunque necessario intervenire sulla politica di archiviazione di alta qualità applicata sullo storage fino a ieri, che permetteva di caricare qualunque foto o video senza limiti.

Le opzioni per gestire lo storage saranno più semplici da comprendere, secondo Google, e saranno personalizzabili sulla base delle preferenze dell’utente. La qualità con cui le foto saranno salvate non cambierà rispetto a prima e l’utente potrà decidere di salvarle con lo Storage saver (il nuovo nome della precedente High quality storage tier) oppure farne un backup mantenendo la risoluzione originale tramite l’opzione Original quality.

Sarà disponibile un tool gratuito con lo scopo di organizzare la quota di archiviazione, in particolare il sistema selezionerà in una cartella alcune foto che l’utente vorrebbe probabilmente cancellare, come foto sfocate, screenshots e video lunghi.

Le foto e video già caricate sullo storage saranno esenti dal cambiamento, dunque ai backup effettuati fino a ieri rimarrà applicata la policy precedente e non faranno cumulo per il limite di archiviazione.

Sarà fornito uno strumento di gestione dell’archiviazione che permetterà di stimare per quanto tempo lo spazio sarà disponibile. La stima sarà elaborata sulla base della frequenza di upload di foto o video sul sistema, o di altri contenuti annessi all’account Google.

Si stima che per più dell’80% degli utenti i 15 GB saranno sufficienti per circa tre anni, e nel momento in cui si starà per riempire lo spazio a disposizione verrà inviata una notifica per avvisare l’utente.

Se l’utente non ha caricato alcuna foto o video oppure ha quasi riempito tutto lo spazio a disposizione, la stima elaborata da Google non sarà visibile.

Google

Se i 15 GB del piano base di Google One, disponibili gratuitamente per ogni account Google, non sono sufficienti, l’utente può scegliere tra tre piani tariffari per ottenere spazio di archiviazione extra.

Le opzioni sono: 100 GB al costo di 1,99 euro al mese, 200 GB al costo di 2,99 euro al mese o 2 TB al costo di 9,99 euro al mese; è possibile effettuare un pagamento annuale anticipato ottenendo un risparmio sul costo totale pagando, rispettivamente, 19,99 euro, 29,99 euro o 99,99 euro.

 

Per rimanere sempre aggiornati sui nuovi post di TelefoniaTech è possibile unirsi gratis al canale ufficiale di Telegram.

Se questo post vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite TelefoniaTech anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram.

Adv
Back to top button